Ristrutturazione GREEN: 7 modi per trasformare un vecchio appartamento in una casa eco-sostenibile

Al giorno d’oggi, a causa del riscaldamento globale, è opportuno essere molto attenti verso i consumi e l’inquinamento: per diminuire questi due fattori è necessario partire dalle piccole cose, come ad esempio, condurre uno stile di vita consapevole e rispettoso dell’ambiente. I cambiamenti nel modo di vivere non sono gli unici aspetti da considerare: è necessario, infatti, pensare anche all’inquinamento che recano le strutture; proprio per questo motivo, trasformare una vecchia abitazione in una casa ecosostenibile è sicuramente una fantastica idea, per il nostro benessere e quello dell’ambiente.

Un occhio attento, quindi, verso il futuro: innovazione e tecnologia, ma anche buon senso, uniti assieme per una lotta contro lo spreco e l’inquinamento. Come è possibile però modificare una casa che non è dotata di componenti e sistemi “green”? Vediamolo insieme!

Tetti “verdi” ed ecosostenibili

La prima cosa da trasformare è il tetto: se questa parte della casa è obsoleta e non funziona bene come dovrebbe, causando una dispersione di gran parte del calore prodotto internamente nei mesi invernali e surriscaldamento in estate. Avere un tetto ben coibentato è fondamentale, perché in questo modo è possibile non disperdere calore nell’ambiente, non sprecare energia e vivere in modo migliore! Se il vostro tetto è molto vecchio e dovete sostituirlo, per la sua ricostruzione, optate per materiali naturali ed eco-friendly, come il legno o il cotto.

Nell’ultimo decennio gli architetti hanno iniziato a realizzare anche “tetti verdi”, ossia, vere e proprie coperture fatte con manto erboso e piante. Questa soluzione non è stata creata soltanto per fare tendenza, bensì per rendere più salubre l’ambiente cittadino, specialmente quello della città di Milano, ogni giorno piena di smog.

Pareti “green”

Recentemente, anche le pareti verticali degli edifici sono realizzate sempre più spesso con lo stesso metodo utilizzato per i tetti: l’impatto estetico è molto forte e gradevole e quello sulla salute è assolutamente benefico.

Innanzitutto, realizzando una parete vegetale è possibile trattenere all’interno delle abitazioni il calore prodotto al loro interno, evitando la dispersione esterna; in secondo luogo, le piante posizionate fuori le mura fungono da barriera protettiva contro gli agenti atmosferici. Tutti questi interventi fanno parte del magico mondo della bioedilizia, un modo completamente nuovo di vedere l’architettura e realizzarla: una concezione teorica che si esplica con la creazione di aree pubbliche e private all’insegna dell’ecocompatibilità e del rispetto per l’ambiente e per i suoi abitanti.

Una delle più grandi novità nel campo della bioedilizia è la realizzazione di case prefabbricate in legno, pronte per essere assemblate e complete di ogni comfort: ogni giorno sempre più persone scelgono questa tipologia di soluzione, spendendo meno e vivendo in modo migliore. L’isolamento termico è uno degli aspetti più importanti per riuscire a condurre uno stile di vita più sano e rispettoso dell’ambiente: le innovazioni in questo campo consistono nella creazione di materiali ecosostenibili sempre nuovi e dalle alte prestazioni.

Porte e finestre eco-friendly

Sempre per una questione di isolamento termico e quindi di tutela per noi e per ciò che ci circonda, è importante avere infissi e serramenti di ottima qualità: un ottimo esempio di  finestre eco-friendly di nuova generazione, sono quelle realizzate in alluminio a taglio termico. Questa tipologia di infissi non è tra le più economiche, ma la sua installazione, oltre che essere conveniente a livello pratico, vi consentirà di risparmiare moltissimo sui costi energetici. Grazie alla particolare lavorazione a taglio termico, la resa di questi serramenti è ottima; inoltre, l’alluminio è un materiale assolutamente riciclabile e crea un impatto ambientale nullo.

Anche gli infissi in legno sono ecocompatibili: la provenienza di questo materiale, tuttavia, lo rende un prodotto ad impatto ambientale abbastanza alto, a seconda delle modalità di deforestazione utilizzate e dal numero di alberi tagliati, rispetto a quelli ripiantati.

A piedi scalzi sul legno

Le case con pavimento e componenti strutturali in legno sono ecosostenibili: uno dei numerosi vantaggi del legno è la sua capacità di trattenere il calore all’interno delle abitazioni.

durante i mesi invernali e di equilibrare la temperatura interna durante l’estate, grazie anche alla sua capacità traspirante. Inoltre, il legno, regola l’umidità, consentendo di vivere in un luogo salubre e perfettamente coibentato.

Ormai la produzione dei parquet sta aumentando, perché le pavimentazioni in legno naturale sono sempre più richieste: inoltre, le aziende sperimentano di continuo nuove soluzioni. Oggigiorno, ad esempio, è possibile acquistare parquet biocompatibili prodotti dal bambù e dal sughero: questi materiali, oltre alle classiche caratteristiche sopra citate, sono anche anallergici e molto resistenti all’acqua.

Riciclare l’acqua

Oltre alla cura dell’ambiente, è necessario riporre attenzione anche sulle risorse primarie: l’acqua è uno dei beni più preziosi che abbiamo a disposizione, e la sua quantità non è infinita, pertanto è necessario utilizzarla in modo consono, senza sprecarla. Proprio per questo motivo è necessario studiare nuovi sistemi di riciclo dell’acqua e, in seguito, installare degli impianti che seguano tale filosofia anche a casa nostra.

Farlo non è per niente complicato: basta, infatti, installare delle semplici unità di riciclo dell’acqua. Questi impianti utilizzando cisterne ed altre componenti chiave, che consentono di raccogliere l’acqua di scarto proveniente da doccia, lavandino, lavatrice ed altre utenze domestiche e di riciclarla per uso non potabile. Una volta raccolta l’acqua, questa viene opportunamente filtrata e pulita, in modo che possa servire per altre attività, come ad esempio, il lavaggio della macchina o del cortile, l’irrigazione e perfino lo scarico del wc.

I più attenti all’ambiente hanno anche realizzato sistemi di raccolta dell’acqua piovana, che più o meno funzionano come le unità di riciclo. Ad ogni modo, utilizzare questi metodi non soltanto è utile per la salvaguardia dell’acqua e dell’ambiente, ma consente anche di risparmiare moltissimo.

Pollice verde in abbondanza

Arredare casa con piante di ogni tipo, rendere il proprio balcone una vera area verde, piantare in giardino molti alberi, sono comportamenti ecosostenibili che oggi vengono messi in atto sempre di più da milioni di persone. Le piante, oltre a ridurre notevolmente l’inquinamento domestico (e di conseguenza anche quello ambientale), hanno il potere di ridurre l’elettricità statica e di combattere lo stress. La loro funzione purificatrice dell’aria, consente di eliminare numerose tipologie di agenti chimici dannosi per l’uomo e per l’ambiente stesso; inoltre, coltivando a casa le proprie spezie sarà possibile usufruirne senza doverle comprare altrove: anche questo significa ecosostenibilità.

Tecnologia green

I metodi per produrre energia sono tanti, ma soltanto alcuni sono davvero “green”: la soluzione perfetta per ogni tipologia di edificio è l’installazione dei pannelli solari; questi prodotti non solo consentono di produrre energia in modo naturale (grazie al calore irradiato dal sole), ma permettono anche agli utilizzatori di essere completamente autonomi nella produzione energetica domestica.

Così, oltre a fare bene all’ambiente risparmiando, è possibile anche guadagnare, grazie ad una eventuale sovrapproduzione di energia.

Se possedete stufe o camini è tempo di utilizzare combustibili non nocivi ed ecocompatibili, smettendo subito di bruciare legna ed altri prodotti, le cui esalazioni sono una delle principali fonti di inquinamento assieme allo smog.

Infine, installando a casa propria un impianto domotico, sarà possibile avere il controllo di ogni dispositivo energetico e, quindi, anche dei relativi consumi. Questi sistemi centralizzati sono davvero la soluzione ideale per evitare sprechi ed inquinamento.

Autrice: Denise Carulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *